Parrocchia San Michele Arcangelo
Via Cosenza, 88
91016 Casa Santa Erice (TP)
Calendario attività

Una cartolina dai nostri amici
Slideshow
Benvenuti.
Il Parroco e tutta la Comunità vi danno il benvenuto nel sito della Parrocchia San Michele Arcangelo. Troverete notizie, orari, attività, avvenimenti e molto altro ancora.

Movimento della Speranza

26° Incontro Regionale del Movimento – 8 maggio 2011

 Domenica 8 maggio, con tre auto, siamo partiti verso Caltanissetta per partecipare al 26° Meeting Regionale del Movimento della Speranza, incontro con cui siamo entrati nell’Anno Giubilare per il 30° anniversario della nascita del Movimento, anno giubilare che si concluderà giorno 9 dicembre pv.

 Presenti, oltre ai gruppi isolani, la Superiora Provinciale d’Italia, Sr A. Silvia Perri, la Responsabile Generale del Movimento Rita Di Maggio, due Figli di Sant’Anna, le nostre Suore  che, per tanti anni, sono stati con noi a Trapani  e, ospiti graditi, i responsabili del gruppo di Reggio Calabria.

Dopo i saluti e la preghiera dell’Ora Media, Padre Leandro ci ha intrattenuti sul tema della giornata:  “Missionarietà nel Movimento, in Parrocchia e nel sociale, con il carisma di Madre Rosa Gattorno”, invitandoci ad avere la stessa intimità della Fondatrice “con  Lui e per Lui”, il Crocifisso, suo amato Bene, con tanta fede, nella preghiera e nel sacrificio. Ci ha anche invitati a riempirci della Parola di Dio, perché “l’ignoranza della scritture è ignoranza di Cristo”.

Un poster riempiva la parete alle spalle dei relatori. Sotto una frase di Madre Rosa, “Vorrei correre ovunque e gridare forte che tutti vengano ad amarti”, un tronco da cui spunta un virgulto a forma di croce e su cui erano posati  i sandali e il bastone del missionario; sul tronco i tre pilastri del Carisma della Famiglia di S.Anna: “povertà di cuore”, “donazione materna” e “spirito di famiglia”. La “povertà di cuore” è quella del piccolo “Resto”, “ i Poveri di Jahvè “, i quali con il cuore aperto alla Speranza e fiduciosi si abbandonano alla luce del Cristo Risorto.

Cito le parole di P.Leandro: “ Per essere  missionari bisogna vivere  la  POVERTÀ  di  cuore, cioè  riconoscersi che siamo NULLA come soleva dire la cara Madre Rosa con questa espressione: “Sono nulla meno di un nulla,  sono un asino, una miserabile”, perché tutto quello che faccio di bello è  Dio che lo fa in me. La Madre era felice di fare questa esperienza: non significa tristezza o depressione…ma consapevolezza e gioia che, proprio dalla sua nullità,  Dio, prendendosi tutto di sé, Lui solo, poteva agire in lei e per mezzo suo annunciare agli altri che Gesù è l’Amore vero…questa povertà che ci fa riconoscere che il nostro essere nulla, fragili e peccatori pieni di miseria, è pienezza della misericordia di Dio in me….”

Essere missionari è vivere lo “Spirito di famiglia” cioè il vivere con gli altri, in comunione, in serenità e nella gioia; la GIOIA è il primo segno di testimonianza  trainante e credibile per tutti. La terza condizione per essere veri missionari è  la “donazione materna”:  dedizione incondizionata sull’esempio di Sant’Anna che ci dona Maria, della Vergine che, con il suo “Sì” ci offre Gesù, il Salvatore, e di Madre Rosa, che con l’offerta di sé stessa, ha lasciato nella Chiesa  l’Istituto delle Figlie di Sant’Anna, con le diverse realtà da esso scaturite.

Dopo un momento di pausa, è iniziata l’Adorazione Eucaristica, animata dal gruppo dei giovani del Movimento e arricchita dalla preghiera di tanti fratelli. Momento emozionante e forte è stato quando P.Leandro ha consegnato nelle braccia di Rita Di Maggio la catena formata da tutti i nostri impegni – propositi e subito dopo depositata da lei  ai piedi di Gesù Eucaristia. Nel pomeriggio, durante la Santa Messa, abbiamo ringraziato il Signore per tutto quello che ci ha donato in questi anni di cammino, ricordando, in particolare, le sorelle e i fratelli che in questi anni si sono spesi affinché il carisma della Beata Madre Rosa si diffondesse per il mondo seminando l’amore per i più bisognosi, i sofferenti, i lontani, concretizzando il desiderio della Madre:  “ Vorrei correre ovunque….”.

L’appuntamento per tutti è per il prossimo anno.

di Angelo Di Baldi

 

Incontro con la Responsabile Generale 14,16 e 20 gennaio 2011

Grande gioia per il nostro Gruppo, che ha accolto in questi  giorni la Responsabile Generale, Rita Di Maggio,  in occasione del  suo giro in visita ai vari gruppi. Venerdì 14 gennaio, proveniente da Roma, Rita, incontrando il nostro Gruppo,  ha parlato con tutti i partecipanti, informandosi sull’attività del Gruppo e sulle motivazioni che spingono ciascuno a parteciparvi. La recita dei Vespri ha concluso l’incontro.  Domenica 16 tutti in ritiro presso l’Eremo Sant’Anna. I quattro canti del Servo di Jahvè  del profeta Isaia e quattro articoli dello nostro Statuto, relativi alla missione e vocazione del Movimento, sono stati oggetto prima di riflessione personale  e dopo, sotto la guida di Rita, di verifica e condivisione. In chiesa, durante la recita dei Vespri, abbiamo  pregato per l’unità della Chiesa, per il Papa, per il nostro Vescovo, ricordando il suo prossimo  Anniversario, per l’ordinazione dei  quattro nuovi sacerdoti, per l’Istituto delle Figlie di Sant’Anna, in tutte le sue espressioni carismatiche, per le famiglie e i giovani, per i nostri defunti, in particolare per la carissima amica Maria Vallone, ritornata di recente alla casa del Padre.  Giovedì 20, Rita, dopo aver visitato altri gruppi siciliani, ha voluto partecipare nuovamente a un nostro incontro.  E’ stata l’occasione per approfondire “Cristo in voi” il testo, scritto da don Sergio, che tutti i Gruppi  stanno meditando. L’incontro si è concluso con la partecipazione all’Adorazione Eucaristica in Parrocchia. Ringraziamo  il Signore per  l’opportunità di arricchirci che ci ha donato con la visita di Rita.

di Angelo Di Baldi